Come previsto dal Decreto Sostegni Bis, è possibile richiedere una proroga della sospensione dei finanziamenti, fino al 31.12.2021.
A tal proposito si specifica che:
La proroga non è automatica, sarà cura dell'impresa chiedere alla banca, anche con una richiesta semplice via e-mail da inviare entro il 15 giugno, di prolungare la sospensione.
Infine si precisa che la norma del decreto Sostegni bis, limita la moratoria alla sola quota capitale.

Lavello, 31 Maggio 2021

Direzione Generale
Maria Rosaria COSTA

La Banca di Credito Cooperativo Gaudiano di Lavello “Banca del Melfese” ha reso operativo a Melfi, nella storica Piazza Umberto I, un proprio sportello automatico evoluto, dotato di un’Area Self dove è possibile compiere, in completa autonomia e riservatezza, operazioni bancarie. Il Bancomat consente di effettuare prelievi, ma anche versamenti di contanti e di assegni, richiesta di estratti conto, bonifici, ricariche telefoniche, pagamenti di bollettini, pagamenti Mav/Rav, ricariche Carte prepagate “Tasca”.
Con l’apertura dello sportello automatico la BCC si sforza di dare risposta alle esigenze delle tante persone che vivono nel centro storico di Melfi, ma anche alle tante attività commerciali che più volte hanno manifestato l’esigenza di poter contare su un adeguato e funzionale servizio bancario nel cuore della città federiciana.
La BCC è banca di questo territorio, e come tale sente forte la necessità di offrire servizi adeguati alle proprie comunità di riferimento. Lo sportello di Piazza Umberto consente ora sia ai clienti della BCC che a quelli di altre banche di poter effettuare le operazioni 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

PHOTO 2021 04 09 16 49 50PHOTO 2021 04 09 16 49 50 6

La Banca di Credito Cooperativo di Gaudiano di Lavello – Banca del Melfese, ha tenuto l’assemblea annuale dei soci presso la sala riunioni della Sede sociale per approvare il bilancio 2020, presenti il Presidente Michele Abbattista, il Direttore, i componenti del Consiglio di amministrazione e del Collegio sindacale e, per i soci, il notaio Francesco Saverio Carretta, quale “rappresentante designato”.

All’unanimità i soci hanno approvato il Bilancio del 38° esercizio della BCC nel quale si registra  ancora una crescita dell’attivo patrimoniale fino a 155,5 milioni di euro, una raccolta totale da clientela (diretta ed indiretta) pari a 123 milioni di euro (nel 2019 era pari a 117) ed una raccolta complessiva aziendale pari a 159,6 milioni€ (+9,3%).

Il Direttore della BCC, Maria Rosaria Costa, ha sottolineato che i crediti netti verso la clientela hanno raggiunto i 65,6 milioni€.  Essi si caratterizzano per il modesto livello di deterioramento, tra i migliori dell’intero sistema BCC: sofferenze nette 0,85 mln€ (coperture globali al 72,64%), inadempienze probabili nette 0,27 mln€ (copertura al 37,1%), esposizioni scadute 0,08 mln€ (copertura all’11,3%), Texas ratio del 12,6%.

Il Presidente Abbattista rileva che il Conto economico della BCC fa registrare l’importante utile netto di gestione di 685 mila€ (+ 44,7% rispetto all’esercizio 2019), con un controllo assoluto dei costi operativi e un aumento del margine di intermediazione del 12,1%.

Con la destinazione degli utili l’azienda rafforza il Patrimonio portando i fondi propri a superare i 9 mln€.

Il Total Capital Ratio (21,45%), indice di solidità, pone la Banca su un livello patrimoniale ampiamente superiore alla soglia richiesta dalla normativa di riferimento.

Il fascicolo di bilancio, pubblicato e distribuito ai soci, si apre con questa riflessione

……..in un contesto che sta smarrendo la propria spinta ideale,
non ci dispiace essere percepiti come un luogo dove ancora ha valore
fare Cooperazione di Credito

La BCC del Vulture Melfese si conferma punto di riferimento creditizio dell’area nord di Basilicata, a sostegno delle esigenze delle famiglie e delle imprese di un territorio ritenuto fondamentale per lo sviluppo e la crescita dell’intera economia regionale.

Lavello, 3 maggio 2021

Poiché il Regno Unito non è più un Paese membro dell’Unione Europea, in base agli accordi di recesso dalla UE, a partire dal 1° gennaio 2021 a tale Paese non è più applicabile la normativa dell’Unione Europea.

Restano invece in vigore le regole di funzionamento applicate ai Paesi dell’area SEPA, a cui il Regno Unito continua a partecipare. Pertanto, ai bonifici SEPA Credit Transfer (SCT) e agli addebiti diretti SEPA (SDD) da e verso il Regno Unito continuano ad essere applicate le regole di funzionamento dei pagamenti SEPA ma, poiché per questi pagamenti non è più applicabile il Regolamento Europeo n.  924/2009, a tali operazioni sono applicate le condizioni economiche previste per i pagamenti Extra SEPA, già indicate nei fogli informativi disponibili in filiale e nella Sezione “Trasparenza” del sito della banca nonché nei documenti di sintesi di cui il cliente può sempre chiedere una copia aggiornata.

Si ricorda infine che per l’esecuzione di tali pagamenti è necessario indicare informazioni aggiuntive ai sensi del Regolamento UE n. 847/2015, che dispone che per i pagamenti da/verso Paesi Extra UE siano indicati i dati completi dell’ordinante e del beneficiario.

In particolare i pagamenti inviati verso Regno Unito contengono anche:

- l’indirizzo completo dell’ordinante e del beneficiario
- il BIC (Bank Identifier Code) della banca del beneficiario

Gli stessi dati dovranno essere presenti anche qualora il pagamento, proveniente dal Regno Unito, sia a favore della clientela della Banca.

La mancanza o l´incompletezza di questi dati informativi aggiuntivi potrebbero comportare l’impossibilità di eseguire l’ordine di pagamento oppure ritardi nell’accredito dei fondi al beneficiario o il rifiuto della transazione da parte del prestatore di servizi di pagamento del beneficiario.

Qualora dovessero intervenire nuovi sviluppi o aggiornamenti sull´argomento, la Banca si riserva di fornire ulteriori indicazioni, rimanendo sempre a disposizione della clientela per maggiori informazioni e chiarimenti.

Lavello 18.03.2021

Sottocategorie